Quello che gli altri dicono | Associazione Culturale Controchiave

Questa sezione ospita articoli, opinioni, contributi multimediali che per diverse ragioni hanno suscitato il nostro interesse. Possono anche non rappresentare le nostre idee o posizioni, ma riteniamo che possano essere utili a fornire interessanti spunti per una riflessione o per un approfondimento.

Edificare castelli. C’è un’alternativa alla desertificazione culturale?minima

Oggi una delle priorità degli enti pubblici è mettere a reddito le risorse. Privatizzando o comportandosi come un’impresa. Una mutazione genetica che si è manifestata di pari passo a quel fenomeno che ha visto le notizie di economia risalire vertiginosamente il menabò dei quotidiani, dalle sezioni dedicate fino alla prima pagina.

internazionale

Poesia e street art riqualificano il rione Fornelle di Salerno

Mai sottovalutare il potere restauratore della poesia, soprattutto quando si fonde con la street art e diventa materia visibile in un rione screditato e degradato come le Fornelle di Salerno.


internazionale

Il cambiamento di Roma passa da una nuova politica culturale

Ritratto di Luca Bergamo il nuovo assessore alla cultura della città di Roma.


Corviale a Roma: l’utopia della città in un palazzo

la-voce-di-new

Nato dall’idea socialista, per molti è un mostro, ma gli abitanti hanno imparato a volergli bene


Spaccio cultura a Palermo: la biblioteca itinerante

internazionale

Nel cuore di Palermo, il signor Pietro Tramonte condivide un tesoro da 50.000 volumi


A Torino la politica culturale punta su periferie, biblioteche e teatri

internazionale

…la chiave è tornare a produrre, dare spazio alle idee anche individuando sistemi di finanziamento pubblico legati a bandi che indichino la strada che si intende percorrere: innovazione, collaborazione pubblico privato, allargamento della platea, distribuzione delle attività sulla città, coproduzione, esportazione… Le idee della nuova assessora alla cultura di Torino


La cultura può essere il volano d’Italia. Ecco come

leftSecondo il World Economic Forum, l’Italia perderà la metà dei suoi posti di lavoro nei prossimi cinque anni. Anche per incapacità di usarli per valorizzare le competenze culturali, archeologiche di storia dell’arte che abbiamo e che, sempre di meno trovano impiego.


La politica culturale di Milano è un laboratorio per la sinistrainternazionale

Filippo Del Corno è cresciuto in una grande famiglia della borghesia culturale milanese. Ha 45 anni, una parlata asciutta, è assessore alla cultura di Milano dal 2013, e cioè dall’inizio della sbandierata rinascita culturale della città


Roma sta morendo e nessuno fa niente

il degrado culturale, sociale e politico della città di Roma secondo Christian Raimointernazionale