Altri corsi adulti | Associazione Culturale Controchiave
Over 60 Meet & Chat

 

docentequandocorsodovedurata
Mariangela Tranzi e Mara Ottaiano Martedì 11.00-13.00di gruppovia gozziannuale
Teatro e musica come luoghi di memoria –  Laboratorio dedicato agli over 60

Da sempre il teatro è il luogo in cui si esprimono emozioni e sentimenti che hanno come punto comune il vissuto di ciascuno di noi. Se a questo si aggiunge l’esperienza di chi ha tanto da ricordare e voglia di raccontarlo, ecco che il teatro si trasforma in luogo di memoria e di condivisione.L’obiettivo del laboratorio è quello di dar voce a chi, proprio per il grande bagaglio di esperienze accumulate nella vita, ha tante emozioni da trasmettere.

Si imparerà a recitare e a sviluppare l’orecchio musicale, ma senza focalizzare troppo l’attenzione su nozioni prettamente tecniche. Perché il fine sarà quello di star bene, divertirsi a anche arricchire la propria cultura grazie al teatro e alla musica!

docentequandocorsodovedurata
Tiziana Battiston 
Venerdì dalle 11.00 alle 12.30di gruppovia gozziannuale

English speaking at controchiave: meet & chat

Una serie di incontri per adulti, dedicati alla conversation in inglese. Un corso che si focalizzi prevalentemente sul potenziamento dell’abilità speaking, sulla pronuncia, sulla scioltezza e sull’ampliamento del lessico.

 Ogni speaking session ha una struttura basata su un topic (“argomento” – vacanze, situazioni tipo, film, libri, commentare immagini), possibilmente con l’introduzione di una struttura grammaticale o sintattica da esplorare e mettere in pratica durante l’incontro.

L’apertura della lezione vedrà l’introduzione dei topic, seguiti dalla ricerca di termini e frammenti idiomatici adatti, così da permettere la creazione di un campo semantico quanto più possibile ampio e dettagliato (questo ovviamente dipenderà anche dal livello dei partecipanti). In seguito, una volta compilato un insieme soddisfacente di elementi linguistici, che permetterà agli studenti di esporre le proprie idee facilitandone l’espressione, si darà il via allo scambio.

La creazione del campo semantico adatto al topic preso in esame può prendere parte in aula, ma sarebbe ideale che ogni partecipante facesse anche ricerca-riflessione in proprio a casa, e si presentasse con una piccola lista di quelli pensa siano termini utili alla discussione. L’obiettivo è la creazione di una sorta di “valigia” di espressioni, che saranno poi usate e provate “sul campo”.  Proponendo il risultato delle proprie ricerche, lo studente azionerà uno scambio attivo con gli altri partecipanti, che a loro volta condivideranno la propria lista, arricchendola dei termini e delle espressioni che mancano, in una sorta di “ce l’ho-mi manca” linguistico.

 La discussione procederà in modo informale, per evitare tensione ed ansia. Gli studenti saranno invitati ad esprimere la propria idea sull’argomento proposto, e stimolati per quanto riguarda l’uso corretto di strutture nuove ed attinenti alla lezione. In caso di errore, saranno invitati ad auto-correggersi, per quanto possibile. Sarà inoltre sottolineata l’importanza di una pronuncia corretta e curata. In caso di necessità, saranno proposti esercizi di ascolto, pronuncia e lettura a voce alta, così che gli studenti possano esercitare le proprie capacità di ascolto e di riproduzione accurata di fonemi.

 Gli argomenti saranno proposti via via dall’insegnante, ma i suggerimenti da parte degli studenti saranno certamente ben accolti. Si potrà partire da argomenti semplici e attinenti alla vita di tutti i giorni (es: spesa al mercato; viaggi; famiglia; piatti preferiti…) ma, con la progressiva acquisizione di strutture, lessico, abilità e scioltezza, potranno essere proposti argomenti di discussione più complessi e “problematici”, che stimoleranno la capacità critica dello studente e la sua abilità di esporre le proprie idee ed i propri punti di vista su argomenti meno “concreti”. In tal caso, si potrà prendere spunto da fatti realmente avvenuti e dalla consultazione di quotidiani e riviste in lingua.
Gli studenti potranno anche, a turno, preparare un argomento di proprio interesse ed esporlo in solitaria o in piccoli gruppi in un vero e proprio “talk”. La presentazione darà poi il via alla discussione, alle domande e ad eventuali chiarimenti.

 La session si chiude con la proposta di un nuovo topic, da preparare per l’incontro successivo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *